Presentazione di Directa

Aggiornato al 5 luglio 2016

Fondazione e crescita di Directa

Directa è una Società di Intermediazione Mobiliare costituita a Torino nel 1995, con l'obiettivo di permettere agli investitori privati di comprare e vendere azioni per via telematica, direttamente dal loro PC, con esecuzione immediata degli ordini e costi ridotti.

Ha iniziato l'operatività nel marzo 1996 con un sistema non-Internet proprietario, risultando il primo broker telematico in Italia e uno dei primi nel mondo, e si è progressivamente specializzata per le esigenze di una clientela costituita da investitori molto attivi (day trader e scalper).

Nel dicembre 1998 ha attivato il suo sistema di trading online via Internet, una piattaforma interamente proprietaria che viene arricchita e perfezionata di continuo, spesso accogliendo le richieste dei clienti su forum e newsgroup, mezzi di comunicazione ai quali la società partecipa direttamente e dedica grande attenzione.

Da quando è stata fondata, la società ha chiuso in lieve perdita solo i primi due esercizi (1995 e 1996), facendo registrare costantemente un utile di bilancio nei successivi esercizi, dal 1997 al 2011.
I clienti operativi crescono rapidamente: a gennaio 1999 superano il traguardo dei 1.000, sono oltre 3.000 nel settembre dello stesso anno, 10.100 a fine 2001, 17.821 a fine 2011.

Nel 2012 per la prima volta il numero dei clienti si riduce, a 17.259, ma solo per effetto dell'introduzione dell'imposta di bollo sui depositi titoli: è Directa stessa a contattare i clienti inattivi perché esaminino l'opportunità di chiudere il conto in assenza di operatività, per non subire inutilmente il prelievo fiscale.

Nel 2013 il numero dei clienti operativi risale di poco (17.313, +0,03%), mentre aumenta del 6,7%, da 180 a 192, il numero delle convenzioni tra Directa e Banche o SIM (190 e 2 rispettivamente).

Nel 2014 i clienti Directa hanno intermediato sul mercato azionario italiano un controvalore di 33 miliardi di euro, in crescita del 3,2% rispetto al 2013. Il numero degli eseguiti sul MTA è salito del 10%, a 2,65 milioni. Gli ordini eseguiti sul mercato americano sono aumentati del 10% superando i 111.000 nei dodici mesi. Il numero dei contratti futures e derivati è aumentato del 1,2% a 1,19 milioni. E' aumentato anche a 17.542 (+1,32%) il numero dei clienti operativi, mentre sale da 192 a 201 (+4,7%) il numero delle convenzioni tra Directa e gli istituti di credito.

Nel 2015 i clienti Directa hanno intermediato sul mercato azionario italiano un controvalore di 32,31 miliardi di euro (- 2,3% rispetto al 2014). Il numero degli eseguiti sul MTA è diminuito del 5%, a 2,52 milioni. Gli ordini eseguiti sul mercato americano sono diminuiti del 24%, a 84.300 nei dodici mesi. Il numero dei contratti futures e derivati è aumentato del 51,4%, a 1,8 milioni. E' aumentato anche a 18.013 (+2,68%) il numero dei clienti operativi, mentre sale da 201 a 207 il numero delle convenzioni tra Directa e gli istituti di credito.

Profilo della società

PER SAPERNE DI PIU'



dw.gif