\n

Firmata la Convenzione tra Directa e il Credito Cooperativo Reggiano

La SIM torinese, leader nel trading on line, rafforza la sua presenza in Emilia Romagna.

Torino, 18 dicembre 2002.

Directa, la Sim pioniere del trading on line in Italia, ha firmato un accordo con il Credito Cooperativo Reggiano per estendere i propri servizi ai clienti dell'istituto di credito.
Continua a crescere il gradimento per il trading con Directa nel mondo del credito cooperativo: attraverso queste convenzioni, gli istituti bancari, che sono già 33 in tutta Italia, possono offrire ai loro clienti un servizio di trading on line, sia sul mercato italiano, compreso quello dei derivati, sia sui mercati USA, efficiente e competitivo dal punto di vista della sicurezza e della velocità di esecuzione degli ordini, dai costi assolutamente concorrenziali.

"L'approccio di Directa, basato principalmente sulla qualità - ha dichiarato l'Amministratore Delegato di Directa, ing. Mario Fabbri - ci consente di offrire ai clienti del Credito Cooperativo Reggiano un servizio di trading on line sviluppato sulle esigenze degli investitori molto attivi".
"L'accordo con Directa - ha affermato Luciano Aguzzoli, Direttore Generale del Credito Cooperativo Reggiano - è una dimostrazione della volontà della nostra Banca di offrire ai nostri Clienti prodotti e servizi innovativi e ci consente di avere una partnership qualificata con il primo broker del mercato telematico italiano".

Le commissioni di intermediazione applicate sono tra le più basse del mercato. Per il mercato azionario italiano le commissioni scendono di un euro ad ogni eseguito nella stessa giornata, da 9 euro sino a 3 euro. In alternativa, il Cliente può scegliere la commissione dell' 1,9 per mille (che diventa dell'1,3 per mille, dopo un intermediato pari a 2,5 milioni di euro), senza costi minimi per eseguito.
Per il mercato dei derivati le commissioni scendono da 14 a 7 euro per i contratti FIB, da 8 a 4 euro per il MiniFIB, diminuendo di un euro a ogni eseguito nella stessa giornata. Il calcolo della degressività
è fatto tenendo conto degli eseguiti giornalieri su MTA, SEDEX, MTF e IDEM.
Per i mercati americani le commissioni sono pari a 10 dollari per eseguito, oppure 9 dollari più un quarto di cent per azione se l'accesso al mercato avviene tramite Island, il principale ECN del Nasdaq, senza costi di cambio.