\n
Accordo di collaborazione tra Directa e Banca Cassa di Risparmio di Savigliano

Torino, 22 maggio 2006 .

Directa ha stipulato un accordo con la Banca Cassa di Risparmio di Savigliano per consentire ai clienti della banca, che opera nelle province di Torino e Cuneo, di utilizzare le piattaforme professionali di trading on line della Sim torinese, mantenendo titoli e liquidità presso la banca stessa.

"Grazie alla collaborazione con Directa, offriamo ai nostri clienti, in aggiunta a tutti i servizi bancari, la possibilità di operare direttamente sui principali mercati azionari e su quelli dei derivati, in maniera affidabile, a costi competitivi, con una interessante remunerazione del conto di trading” ha dichiarato Giuseppe Allocco, Direttore Generale della Banca Cassa di Risparmio di Savigliano.
"L'accordo con la Banca Cassa di Risparmio di Savigliano ci offre l'opportunità di estendere ulteriormente la distribuzione del nostro servizio di trading on line appoggiandoci a una banca fortemente radicata sul territorio”, ha affermato l'ing. Mario Fabbri, Amministratore Delegato di Directa.
Le piattaforme Directa consentono l'accesso ai mercati azionari italiani, americani e tedeschi, oltre all'accesso ai mercati dei futures (IDEM, EUREX e CME-Globex). Le commissioni di trading applicate ai clienti della Banca Cassa di Risparmio di Savigliano sono molto vantaggiose, in quanto il cliente può scegliere il profilo più adeguato al proprio tipo di operatività sul mercato italiano, tra commissioni proporzionali (1,9 per mille senza costo minimo per eseguito) e degressive (da 8 a 3 euro).
Per i mercati americani, le commissioni sono pari a 9 dollari per ordine eseguito dal Market Maker, oppure di 9 dollari con l’aggiunta degli oneri o la deduzione dei "ristorni", per gli eseguiti tramite i due ECN Island e Arcipelago, applicando le medesime condizioni disponibili per i trader Usa. Per il mercato azionario tedesco (Xetra) la commissione è pari ai costi di negoziazione (Deutsche Börse) e di clearing (Clearstream), che dipendono dal controvalore dell'ordine, più 4 euro per ordini fino a 50.000 euro. Ad esempio per un ordine di 10.000 euro la commissione è di 5,51 euro, per un ordine di 50.000 è di 8,40 euro.