\n

Aumento di capitale Easy Jet

a cura di G.Borsi, 24 settembre 2021

La britannica Easy Jet è la seconda compagnia aerea low cost in Europa dopo Ryanair.
È quotata alla Borsa di Londra e come tutto il settore ha sofferto molto negli anni 2020-2021 la crisi Covid, riducendo il proprio fatturato a causa del crollo del traffico aereo.
Al 31 marzo 2021 tramite le sue controllate gestiva 916 tratte con oltre 330 aeromobili, da oltre 154 aeroporti, in 35 paesi, e contava più di 13000 dipendenti, inclusi 4000 piloti e 7000 membri dell'equipaggio di cabina.
Il vettore britannico, dopo aver ricevuto e respinto un’offerta di acquisizione da parte di Wizz Air, ha deciso di ricorrere a un aumento di capitale da 1,2 miliardi di sterline (1,4 miliardi di euro), vedendo la necessità di "proteggere e rafforzare a lungo termine il proprio posizionamento nel settore aeronautico europeo".

Dati dell'offerta

L’aumento di capitale ammonta a circa 1,2 miliardi di sterline ed è attuato mediante l'offerta in opzione di 31 nuove azioni ogni 47 vecchie possedute, al prezzo di 4,1 sterline/5,2 euro. Verranno dunque offerte 301.260.394 nuove azioni.

Calendario dell'operazione

I diritti di opzione sono stati trattati dal 13 al 23 settembre e possono essere esercitati entro le ore 11 del 27 settembre 2021.
Il 28 settembre verrà data notizia dell’esito dell'aumento di capitale e verranno messe in negoziazione le nuove azioni.
Ad oggi la capitalizzazione di Borsa è di poco superiore ai 4 miliardi di sterline, mentre il patrimonio netto della Società al 31 marzo 2021 era pari a 1.582 milioni di sterline (la metà rispetto a settembre 2019).

Codice titolo: X.EJT1
Codice diritto: X.EZJF

Motivazioni dell'offerta

Cogliere le opportunità offerte dalla ripresa post-covid19 e sottrarre quote di mercato ai concorrenti (soprattutto operatori aerei tradizionali).

Dati economici

Nell'ultimo trimestre Easy Jet ha realizzato un fatturato di 212 mln di sterline contro i 7,2 milioni di un anno prima e la sua perdita lorda è scesa a 318.3 milioni di euro, diminuendo dell'8%. Per il quarto trimestre è prevista complessivamente una capacità pari al 57% circa rispetto allo stesso periodo del 2019, in significativo aumento nei confronti del trimestre aprile-giugno, quando è stata pari al 17% dello stesso periodo del 2019.
La Compagnia, in aggiunta all'aumento di capitale, ha siglato un accordo con alcune banche per una nuova linea di credito rinnovabile da 400 milioni di dollari.

Dati previsionali

Nel primo trimestre 2022 la compagnia punta a una capacità pari al 60% se confrontata a quella dei primi tre mesi del 2019.

Principali azionisti

Il maggiore azionista è l’uomo d’affari greco-cipriota Stelios Haji-Ioannou (26%), seguito da tantissimi fondi e investitori istituzionali. Il fondatore non parteciperà alla sottoscrizione delle nuove azioni, in quanto in contrasto con le ultime decisioni della Società, quindi la sua quota e quella della sua famiglia si dovrebbero ridurre a circa il 15%.

Tabella delle parità matematiche

Sulla base del rapporto di esercizio (31 nuove azioni ogni 47 azioni esistenti al prezzo di 410 pence, ovvero 4,1 sterline/5,2 euro) possiamo costruire questa tabella:

PREZZO DIRITTO
COSTO AZIONE
AZIONE PIENA
valori espressi in pence = centesimi di sterlina
ZERO
410
410
31
457
488
62
504
566
93
551
644
124
598
722
155
645
798
186
692
878
217
739
956
248
786
1034