\n

Aumento di capitale Tesmec

a cura di G.Borsi, novembre 2020


Il Gruppo Tesmec si occupa della progettazione, produzione e commercializzazione di sistemi e di soluzioni integrate per la costruzione, la manutenzione e la diagnostica di infrastrutture per il trasporto di energia elettrica, di dati e materiali (petrolio e derivati, gas e acqua), nonché di tecnologie per la coltivazione di cave e miniere di superficie.

Dati dell'offerta

L'aumento di capitale ammonta a circa 35 milioni di euro e viene realizzato mediante l'offerta in opzione di 200 nuove azioni ogni 41 vecchie possedute, al prezzo di 0,07 €.

Calendario

I diritti di opzione saranno trattati dal 23 novembre al 4 dicembre, estremi inclusi, e potranno essere esercitati dal 23 novembre al 10 dicembre, estremi inclusi.

Questo aumento di capitale andrà a triplicare di fatto la capitalizzazione di Borsa, ad oggi di poco inferiore ai 18 milioni di euro, e a moltiplicare di quasi 6 volte il numero di azioni in circolazione: si può quindi ritenerlo fortemente diluitivo.

Motivazioni

L'operazione mira a ridurre l'indebitamento finanziario, in quanto la crisi dovuta al Covid non ha permesso alla Tesmec di rispettare i covenant su diversi finanziamenti in essere, sicché entro fine anno alcuni finanziamenti potrebbero essere estinti se non dovesse riuscire la rinegoziazione con il sistema bancario.

Dati economici

Tesmec ha chiuso i primi 9 mesi dell'anno con un calo del fatturato del 20% e una perdita di quasi 5 milioni contro un utile di 3 milioni dell'esercizio 2019; al 30 settembre il patrimonio netto era pari a 48,5 milioni di euro (2,5 volte l’attuale capitalizzazione) e l'indebitamento finanziario netto a 137 milioni (3 volte il patrimonio netto), dato che evidenzia una certa tensione finanziaria.

Dati previsionali

La pandemia da Covid-19 ha avuto un impatto rilevante sul business aziendale e la Società non esclude possibili ripercussioni sull'andamento reddituale del Gruppo tali da peggiorare significativamente le previsioni rispetto al piano 2021-2023.

Principali azionisti

Il Gruppo TTC SRL detiene il 48% delle azioni, la Quaero Capital Funds quasi l’8%, e le azioni proprie costituiscono quasi un 4%; tutto il resto è flottante (40%).

Consorzio di garanzia

Non è presente un consorzio di garanzia, ma l'azionista di maggioranza garantirà, oltre alla propria quota di aumento di capitale (circa la metà), la sottoscrizione di ulteriori 5 milioni di azioni qualora residuasse una parte di inoptato. Inoltre è stato stipulato con Palladio (investitore di lungo termine attivo in vari settori industriali) un accordo di garanzia in forza del quale Palladio ha assunto l'obbligo di sottoscrivere 3,5 milioni di euro di azioni che dovessero risultare inoptate, con priorità rispetto all'impegno assunto dall'azionista di controllo: quindi, se risultassero inoptate azioni per 5 milioni di euro, i primi 3,5 milioni li sottoscriverebbe Palladio e i rimanenti l'azionista di controllo.

Nel caso in cui l'aumento di capitale fosse sottoscritto unicamente dall'azionista di riferimento e da Palladio, il flottante residuo risulterebbe inferiore al 20% e pertanto non idoneo per il mantenimento dell'Emittente nel segmento STAR di Borsa Italiana; di conseguenza l'Emittente potrà non essere più tenuto al rispetto dei più stringenti requisiti di trasparenza e corporate governance obbligatori per le sole Società quotate sul segmento STAR.

Borsa Italiana ha comunicato i prezzi rettificati e i K di rettifica efficaci dal 23 novembre 2020:

Codice
Descrizione
Prezzo di Riferimento
Prezzo Last
Prezzo Ufficiale
Coefficiente K
TES
TESMEC
0,0854
0.0855
0,0873
0,53093992
TESAXA
TESMEC AXA
0,0754
-
-
-

Tabella delle parità matematiche

Sulla base del rapporto di esercizio (200 azioni ogni 41 a 0,06 €) e del fattore K di Borsa Italiana possiamo costruire la seguente tabella:

PREZZO DIRITTO
COSTO AZIONE
AZIONE PIENA
ZERO
0,07
0,0700
0,02
0,0741
0,0941
0,04
0,0782
0,1182
0,06
0,0823
0,1423
0,08
0,0864
0,1664
0,10
0,0905
0,1905
0,12
0,0946
0,2146