\n

Aumento di capitale Pininfarina 2021

a cura di G.Borsi, maggio 2021

Azienda italiana, di origine piemontese, fondata nel 1930 da Battista Farina, è attiva nel settore delle carrozzerie per automobili.
Grazie a un lungo processo di evoluzione e trasformazione, Pininfarina si è evoluta da azienda artigiana a vero e proprio punto di riferimento del design automobilistico e industriale.
Il Gruppo conta circa 700 dipendenti, distribuiti tra le sedi in Italia, Germania, Stati Uniti e Cina.
Quotata in Borsa, fa parte della galassia Mahindra & Mahindra.

Dati dell'offerta

La Società ha varato un aumento di capitale a pagamento per un importo massimo di 26,05 milioni di euro.
L'operazione straordinaria prevede l'emissione di 27.135.585 azioni ordinarie da offrire in opzione agli azionisti della Società nel rapporto di 1 nuova ogni 2 possedute, al prezzo di sottoscrizione di 0,96 euro. Il Prezzo di emissione delle nuove azioni incorpora uno sconto sul TERP del 5,88% rispetto alle quotazioni del 24 maggio.

Calendario

I diritti di opzione saranno esercitabili dal 31 maggio al 21 giugno 2021 compresi e negoziabili fino al 15 giugno; inoltre i diritti di opzione non esercitati saranno offerti sul MTA entro il mese successivo alla fine del periodo di opzione, per almeno due giorni di mercato (salvo che non siano già integralmente venduti).

Motivazioni

I proventi dell'aumento di capitale saranno destinati a contribuire alla copertura del fabbisogno finanziario netto complessivo del Gruppo.

Dati economici e previsionali

Le difficoltà legate alla pandemia hanno creato una riduzione del valore della produzione di 67 milioni di euro, pari al 26% rispetto al 2019, con ripercussioni anche sul calo del margine operativo lordo, il quale ha un valore negativo di circa 7 milioni di euro rispetto al risultato positivo di 1,7 milioni del 2019.
Il risultato operativo risulta negativo di 21,5 milioni di euro rispetto ai 19,4 milioni dell'anno precedente.

I dati previsionali del 2021 sono in linea con il quadro del consuntivo 2020, con un risultato operativo e un risultato netto ancora negativi, ma decisamente migliori, anche in considerazione dell'attuato abbattimento delle spese, con tagli del 25% dei costi del personale e chiusura della controllata Pininfarina Engineering (che ha comportato l'attivazione della procedura di licenziamento collettivo per cessata attività riguardante n. 135 dipendenti).

Nel 2021 ci si aspetta una crescita soprattutto dal mercato americano e cinese.
Il focus del gruppo, dopo la chiusura di parte delle attività di Engineering, è rivolto soprattutto all'area design, che si ritiene abbia maggiori potenzialità nel medio periodo per volumi e margini di profitto.
L'Emittente è ottimista sulle azioni svolte per tornare all'utile, ma rimane comunque molta incertezza sul futuro; a tal proposito nella relazione sul bilancio consolidato del 2020 si legge la seguente frase: "si ritiene che la continuità aziendale implichi significative sfide in termini di volume delle vendite, così come di contenimento dei costi e prezzi di ottenimento dei contratti".

Principali azionisti

Pf Holding, titolare del 76,154% del capitale della Società, ha assunto l'impegno a sottoscrivere le nuove azioni che le spettano in opzione per un ammontare massimo pari a 20 milioni di euro, mediante utilizzo del versamento in conto futuro aumento di capitale effettuato.

Fattore k di Borsa Italiana

Borsa Italiana ha fornito i nuovi prezzi delle azioni ordinarie Pininfarina, sulle quali è stato applicato un fattore di rettifica di 0,9819376 €.
Il prezzo di chiusura di venerdì 28 maggio, pari a 1,015 €, è stato rettificato a 0,996 €, mentre il prezzo dei diritti che inizieranno a essere quotati lunedì è stato fissato a 0,0184 €.

Tabella parità matematiche diritto-azione

Essendo il prezzo dell'aumento di capitale molto vicino al prezzo delle azioni antecedente (vale a dire che lo sconto di prezzo sulle nuove azioni è molto piccolo), la tabella risulta compressa in una fascia di prezzo estremamente limitata, con poco spazio di discesa per le quotazioni.
Come in altri aumenti con questo tipo di caratteristiche (Zucchi nel 2011), potrebbe capitare di vedere l'azione salire ben più di quanto possa perdere il diritto, con l'effetto che nei primi giorni di quotazione i prezzi potrebbero risultare notevolmente falsati.

Prezzo del diritto
Costo dell'azione
Azione Piena
Zero
0,96
0,96
0.005
0,97
0,975
0,010
0,98
0,990
0,0125
0,985
0,9975
0,015
0,99
1,005
0,0175
0,995
1,0125
0,020
1
1,020
0,025
1,01
1,035
0,030
1,02
1,050
0,035
1,03
1,065
0,040
1,04
1,080